7 Modi per guadagnare con l’affiliate marketing nel 2017

guadagnare con l'affiliate marketing nel 2017

Oggigiorno esistono diversi modi per guadagnare online e riuscire a lavorare da casa, ma l’affiliate marketing rimane ancora il sistema migliore.

I benefici sono tanti e i costi per iniziare minimi, in più tutti possono avvicinarsi a questo settore senza avere troppe conoscenze specifiche.

Ma come fare per guadagnare con l’affiliate marketing nel 2017?

Inizialmente fare marketing in affiliazione era piuttosto semplice, non erano in molti a conoscerlo e gli utenti in rete erano “più ingenui” a livello informatico (oggi sono molti più scettici e abituati).

Uno dei primi, almeno per quanto mi riguarda, fu Amazon. Vendere prodotti per conto loro semplicemente generando traffico su dei link specifici  sembrava quasi un sogno.

Quando poi sono venuto a conoscenza del marketing in CPA (cost per action) le cose sono andate di bene in meglio.

Certo a quei tempi essere posizionato su Google o ricevere traffico da Facebook era estremamente più facile, ora le cose sono un po cambiate, ma non in peggio, diciamo solo che si sono evolute.

Oggi l’affiliate marketing è più vivo che mai, ma sono cambiate un pò le strategie.

A differenza del passato, ora realizzare un sito web pieno di funzionalità è estremamente semplice, ma è un po meno semplice portarlo al successo. Per fare marketing online nel 2017 hai bisogno di una strategia ben precisa.

Se ti sei avventurato da poco in questo campo ed hai bisogno di consigli, eccoti una semplice guida, che in 7 passi ti aiuterà a trovare la tua strategia e riuscire a scalare le tue campagne.

Leggi anche: “Strategie di marketing : Cosa non fare

Prima di entrare nel vivo dell’articolo ti chiedo gentilmente di mettere un +1 all’articolo, un piccolo gesto che mi da gli stimoli ad andare avanti. Grazie in anticipo 🙂

7 modi per guadagnare con l’affiliate marketing nel 2017

 

come guadagnare con l'affiliate marketing nel 2017

1. Cerca una nicchia più specifica possibile

Qualsiasi sia il tuo obiettivo, cerca sempre si scegliere una nicchia il più specifica possibile.

Un argomento non è una nicchia, ma una parte di quell’argomento si. Questo aumenterà non di poco le probabilità di successo, ed ora ti spiego il perché;

Partiamo da quest’esempio :

Tecnologia (Argomento) -> Schede video per gaming (nicchia)

Se siete esperti in più settori aprite altri siti dedicati.

Focalizzarsi su di una nicchia specifica porta non pochi vantaggi, eccone alcuni :

  • Promozione dei prodotti estremamente più semplice
  • Ottimizzazione SEO più efficace (a cominciare dal nome del dominio)
  • Gli utenti si fidano maggiormente di portali specializzati, quindi sono più propensi alla conversione.
  • Se piace agli utenti piacerà anche a Google

La questione SEO non è assolutamente da sottovalutare. Siti/blog specializzati piacciono sempre più ai motori di ricerca. Google offre risposte, e chi meglio di un sito specializzato può darle?

Consiglio!!!

Evita se possibile di creare blog o infoprodotti che riguardanti il settore del web design, web marketing, SEO, WordPress o affiliate marketing, sono nicchie più che sature, oltre ad avere una competizione molto più esperta.

Esistono migliaia di settori dove la competizione è bassissima e riuscire ad avere successo è estremamente facile per qualcuno di abile nel web.

Guadagnare soldi online

2. A/B testing su i tuoi annunci e Landing Page

Effettuare dei test A/B, vuol dire semplicemente non puntare tutto su un singolo annuncio/landing page ma avere sempre delle alternativa, per verificare quali di loro convertono maggiormente.

Si lo so…questo è alla base di una strategia di marketing, ma oggigiorno è fondamentale, molto più del passato.

Questo perché le persone sono assuefatte da annunci e template di un certo tipo, quindi è sempre più difficile stupirle e convincerle a dare un occhiata, ma se riuscirete a trovare la combinazione perfetta i risultati saranno devastanti.

Cercate di essere innovativi e sorprendete l’utente con qualcosa di diverso, non seguite gli standard  o passerete inosservati.

Le persone hanno sviluppato una sorta di “software naturale” che rimuove determinati elementi dal loro campo visivo, un esempio su tutti sono i banner di Google.

Se hai bisogno di consigli su come creare una Landing Page che converte ti consiglio la lettura del mio articolo a riguardo.

Facebook Ads e Google

3. Usa le campagne vincenti su altre piattaforme

Come per gli annunci, proviamo a fare la stessa cosa con i networks e fonti di traffico.

Se la tua campagna ha avuto un gran successo con le sponsorizzazioni di Facebook, perché non testare la stessa identica campagna su altri social networks o magari su Adwords o Bing?

Potresti ottenere gli stessi risultati o magari anche maggiori. Certo potrebbe anche non funzionare, in tal caso niente, tutto come prima 🙂

PS. Non fare mai il contrario. Parti sempre da una sola fonte di traffico per poi espanderti.

Leggi anche la mia guida su come aumentare il traffico organico su Facebook, oppure la la guida Facebook ADS.

monitoraggio campagne

4. Traccia e monitora le tue campagne

Monitorare una campagna è fondamenta per la raccolta dati, sarebbe impensabile operare senza.

Spesso affidarsi ad un network di affiliazione è molto comodo in quanto nella maggior parte dei casi ti vengono forniti tutti gli strumenti per la tracciabilità ed il monitoraggio delle tue campagne.

Leggi anche : “Programmi di affiliazione : Ecco i i migliori

Purtroppo però spesso questi dati forniti dai networks non sono completi ed affidabili, ed a volte e meglio monitorare il tutto da soli con l’ausilio di strumenti esterni.

buget di spesa

5. Inizia sempre con un budget ristretto

Un errore che spesso si commette è quello di farsi prendere dall’entusiasmo e bruciare tutto il budget in poco tempo senza ottenere risultati.

Il mio consiglio è quello di iniziare con un budget molto ristretto, magari usando Facebook Ads, che con la giusta strategia ti permette di raccogliere dati a poco prezzo.

Una volta che si hanno dati a sufficienza per capire quale campagna può funzionare e quale no, iniziamo la nostra scalata, aumentiamo molto lentamente il budget giornaliero e continuando ad esaminare i risultati.

Avendo pazienza e porgendo molta attenzione ai dati ottenuti, risparmieremo tantissimi soldi oltre ad avere maggiori possibilità di successo.

CPA

6. Scegliere l’offerta giusta

Una volta iscritto ad un network ti troverai di fronte a tantissime offerte disponibili e non sai quale scegliere.

Scelgo quella che vende di più, quella che paga di più o quella che ha meno concorrenza?

La risposta? Un mix tra tutte e 3

Il rischio maggiore quando si avvia una campagna è quella di confondersi tra tutti gli altri annunci già presenti sul mercato.

Allora come fare per distinguersi?

Basta dedicare un pò più di tempo alla scelta dell’offerta da promuovere e non farsi prendere dal panico.

Cercate un offerta che abbia un payout decente, con poca concorrenza, che allo stesso tempo però abbia già ottenuto qualche risultato.

Analizzate la landing page, controllate se l’offerta sia credibile e che magari convincerebbe anche voi.

Ci sono tanti piccoli aspetti che potrebbero fare la differenza.

vendere online

7. Crea il tuo infoprodotto

L’ultima meta di ogni affiliate marketer è quella di creare il proprio infoprodotto.

Sicuramente sarai già esperto in qualcosa o magari lo sarai diventato con il tempo.

Bene, allora perché non creare un proprio prodotto digitale come un eBook da vendere al pubblico tramite tutte le strategie di marketing che hai appreso fino ad ora?

Promuovere a vendere un proprio prodotto è estremamente più facile in quanto si conoscono tutti gli aspetti dello stesso.

Senza considerare il fatto che non guadagnerai più una percentuale sul totale ma il 100% del prezzo totale.

Conclusioni

Come avrai notato sono tanti i punti da tenere in considerazione se si vuole guadagnare con l’affiliate marketing nel 2017, ma posso garantirti che se sin dall’inizio seguirai i miei consigli le probabilità di successo aumenteranno di moltissimo.

 SCARICA GRATIS la SEO checklist che ogni SEO dovrebbe avere!

Fabio Wild

Il mio nome è Fabio Wild, classe 1985, musicista e blogger da ormai una vita. Sin da subito ho capito che il futuro sarebbe stato online ed oggi aiuto persone e aziende a crescere sul web. Se vuoi conoscere meglio la mia storia ti rimando alla sezione "Chi Sono".

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi